Matrimonio d’estate. Che cosa mi metto?

Matrimonio d’estate. Che cosa mi metto?

Per i matrimoni, come per qualsiasi occasione speciale, valgono quelle poche regole di buon senso e buon gusto di cui vi ho parlato qualche tempo fa qui.

Poi lo sapete che non mi piace starmene con la bacchetta in aria dettando ‘questo si fa, questo non si fa’. Ad ognuna libero spazio per il proprio stile, che può e deve rimanere coerente anche in queste occasioni, al proprio budget e al desiderio di stare bene per potersi godere la giornata di festa.

Non costringetevi quindi in abiti fascianti se normalmente siete di stile sportivo, né pretendete di issarvi sui tacchi tutto il giorno se non siete abituate a portarli. 

Qui vi do alcuni accorgimenti salva-scivoloni, giusto per chiarire alcuni punti e fornire delle certezze che fanno vivere meglio e più tranquille.

COLORI

Il galateo direbbe niente nero (il motivo è abbastanza chiaro), né bianco (per non confondersi con la sposa). Sarebbe escluso anche il rosso, per ricordare di evitare i colori troppo vivaci, perché oscurerebbero la sposa. Ovvio che non possiamo tutte vestirci di rosa o azzurro polvere, ma in linea generale sarebbe meglio non essere troppo appariscenti anche nella scelta dei colori.

Mattina o sera? Anche l’orario ci dà indicazioni sulla scelta dei colori: più tenui e polverosi per le cerimonie al mattino, più profondi e scuri (blu, ottanio, verde intenso) per la sera.

LUNGHEZZE

Al mattino, via libera al cocktail dress, o più in generale alle lunghezze al ginocchio o appena sotto, che sia abito o tailleur.

Per la sera, le lunghezze si fanno più importanti.

Se non siete tipe da abito, ok anche per il completo con pantalone e la tuta.

TESSUTI

Oltre alla lunghezza, anche la scelta del tessuto ha un ruolo importante.

In generale, evitate materiali troppo sportivi come cotone, lino, tessuti sintetici (a meno che non si tratti di un matrimonio in campagna, in pieno giorno e la sposa vi abbia fatto intendere che desidera una festa informale) e prediligete seta, chiffon, organza e tutte le stoffe leggere.

STILE

Come vi dicevo prima, siate coerenti con la vostra personalità e stile, senza pretendere stravolgimenti solo perché si tratta di un’occasione speciale. I matrimoni sono solitamente feste lunghe, quindi mettete come priorità il vostro benessere. E poi ricordate: le foto rimarranno con voi (e la vostra amica) per lungo tempo, meglio che vi si ritragga con sincero sorriso rilassato 🙂

Con un po’ di buon senso, saprete che se nella vita quotidiana siete delle Drama Queen e vi piace il pizzo, potrete scegliere questo tessuto per un vestito che però non lasci trasparenze.

Oppure, siete delle sportive e avete solo scarpe da ginnastica ed espadrilles per l’estate? Lasciate a casa i tacchi in corda e optate per un comodo plateau. O ancora, le scarpe piatte possono essere ugualmente adeguate se scelte con dettagli e tessuti (anche qui) particolari.

Qui potete trovare delle idee sulla tipologia di scarpa comoda

Le calzature da tango sono un’altra ottima opzione:  di prezzo più elevato, ma molto morbide e confortevoli.

Visto che siamo in argomento accessori, aggiungo che la scarpa chiusa sarà chiaramente più elegante. Se non volete rinunciare al sandalo, quello gioiello va benissimo, ed è adeguato alla cerimonia di sera.

La borsa si farà più piccola (esempio la clucth) per la sera, mentre di giorno sarà medio-piccola (no comunque alla borsa da giorno portata a spalla).

Siete appassionate di cappelli? Via libera se lo indossa anche la mamma della sposa. Adatto per cerimonie al mattino o all’aperto. Tenetelo pure in chiesa, toglietelo a tavola.